Pietra Barrasso
Artista contemporanea, Personalità europea per Arte.

1967
1967
Tempesta nel mediterraneo
Tempesta nel mediterraneo
Riflessi indefiniti
Riflessi indefiniti
Trasperenze
Trasperenze
Vibrazioni
Vibrazioni
Luce
Luce
Dreams
Dreams
Vortice di luce
Vortice di luce
Infinity
Infinity
Cromie di luce
Cromie di luce
   
   
Le opereLa criticaLa biografia
   
   
0
0
0
s2sdefault

 

 

 n.jpg           FB_IMG_1550506945900.jpg          FB_IMG_1550506790031.jpg 

 

Formazione artistica  

 

  • 1963 

nasce a Venticano, delizioso paese in provincia di Avellino. Si sente attratta dall’arte sin da giovanissima età e nel 1977 si cimenta nella sua prima grande creazione pittorica. Nel 1980 conclude il triennio sperimentale all’Istituto Statale d’Arte “Paolo Anania De Luca” di Avellino con il diploma di Maestro d’Arte. Prosegue con il biennio di specializzazione in fotografia e grafica pubblicitaria sino alla Maturità d’Arte Applicata, conseguita con il massimo dei voti.

  • 1983

inizia a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Napoli, dove sceglie la sezione pittura, magistralmente condotta da Armando De Stefano, a sua volta allievo di Emilio Notte. In tale contesto sviluppa notevoli capacità pittoriche di tipo figurativo che saranno molto apprezzate dai docenti-guida della sua frequenza.

  • 1984

incrementa la sua formazione artistica con il restauro di pittura su tela, corso indetto dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali, Architettonici, Artistici, Storici di Salerno e Avellino e diretto da Giovanni Muollo. È un’esperienza che per la sua rilevanza sarà l’inizio di una serie di importanti committenze pubbliche e private.

  • 1992 

entra in cerchie artistiche di fama internazionale: da Pietro Annigoni a Robert Carroll, Pericle Fazzini, José Ortega, Aligi Sassu, Gregorio Sciltian, Orfeo Tamburi, Ernesto Treccani. Sono esperienze preziose che le consentono di migliorare notevolmente la sua crescita artistica. In particolare sarà Aligi Sassu che le farà da tutor grazie all’amicizia cordiale instauratasi nel loro rapporto professionale.

si trasferisce dall’Irpinia a Roma, dove i critici d’arte della capitale le suggeri- scono di cambiare il nome anagrafico di Pierina nel nome d’arte Pietra.

 

.....continua.......

   
   
IntervisteNewsStudio
   
   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente per ottenere il meglio dal nostro sito Web. Quasi tutti ne fanno uso. I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web. Clicca su approvo per proseguire la navigazione acconsentendo all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

{article Cookie Policy - Informativa}{title} {text} {readmore}{/article}